CRISTALLO
FERRATA IVANO DIBONA

Logo

  " Chi ha esperienza di montagna sa quanto sia importante avvistare da lontano la sagoma indistinta di un rifugio alpino, del rifugio programmato come "tappa" della propria escursione, significa provare la soddisfazione d'essere quasi arrivati, pregustare una bevanda dissetante , un piatto caldo, un bicchiere di vino e il riposo su un rustico letto d'alta quota, ma vuol dire anche anticipare in cuore il piacere dell'accoglienza, di un sorriso semplice che ti viene da chi conosce la fatica della salita, da chi sa che cosa significhi amare l'alpinismo"

Tratto da Guida
ai rifugi del Trentino
Azienda promozione Turistica del Trentino

 






Difficoltà:
facile con alcuni passaggi iniziali moderatamente difficili


 

 

Tempo: 6h fino al rifugio Ospitale

 


Dislivello: 1200 mt. in gran parte in leggera discesa





Rifugio: rif. Lorenzi 2932



Clicca per ingrandire

Click to enlarge



Si parte dal rif. Lorenzi (2932 mt) e si arriva a Ospitale dove si può tornare al parcheggio dell'impianto di risalita tramite autobus od a piedi attraversando la Val Grande (sconsigliabile in quanto è un tragitto molto lungo soprattutto dopo aver percorso l'intero sentiero Dibona già di per se impegnativo in termini di tempo).
Meglio aver due auto, anche se questo comporta di svegliarci presto e fare dei chilometri, andi/rivieni in vettura. Realizzato tra il 1969 e 1970 il sentiero Dibona può essere annoverato tra i percorsi in quota più belli delle Dolomiti. Per quanto riguarda la parte puramente tecnica la ferrata inizia a pochi metri dal rif. Lorenzi grazie ad una scala metallica che porta all'ingresso di un breve tunnel scavato nella roccia all'uscita del quale si trova il bellissimo ponte sospeso lungo 27mt.
La prima metà della ferrata è particolarmente bella; ricca di postazioni militari fino ad un bivacco militare ricavato dalla baracca-comando del Maggiore Carlo Buffa dove è possibile ripararsi in caso di maltempo.Da notare che subito dopo il ponte sospeso si raggiunge il punto più alto della via (2985) e da qui è possibile, scendendo per la crestina,salire poi in cima al Cristallino d'Ampezzo (3036 mt) in circa 30' (solo consigliato a chi ha un buon passo e orientamento.
Ritornati dal Cristallino si riprende la ferrata che poi diventa un'Alta Via Dolomitica simile alla via delle Bocchette (Brenta) e prosegue per alcune ore fino al rif. Ospitale (1500 mt) con un percorso un pò monotono e sarebbe importante a questo punto aver lasciato una seconda macchina!!!. N.B. dopo la forcella Grande è possibile scendere in caso di emergenza per un canalone caratterizzato dalla presenza di grossi massi e non troppo agevole in direzione Val Padeon raggiungendo così un bivio presso il quale a sx ci si incammina verso la stazione a monte della funivia mentre, tralasciando la deviazione a sx. e continuando a scendere per il sentiero fino ad incrociare la strada mulattiera è possibile sempre a sx. raggiungere il rif. Son Forca
.

Soccorso Sanitario con l'intervento del C.N.S.A.S.