MONTI LESSINI – MONTE GRAMOLON 1814 mt.

FERRATA ANGELO VIALI


  " Chi ha esperienza di montagna sa quanto sia importante avvistare da lontano la sagoma indistinta di un rifugio alpino, del rifugio programmato come "tappa" della propria escursione, significa provare la soddisfazione d'essere quasi arrivati, pregustare una bevanda dissetante , un piatto caldo, un bicchiere di vino e il riposo su un rustico letto d'alta quota, ma vuol dire anche anticipare in cuore il piacere dell'accoglienza, di un sorriso semplice che ti viene da chi conosce la fatica della salita, da chi sa che cosa significhi amare l'alpinismo"

Tratto da Guida
ai rifugi del Trentino
Azienda promozione Turistica del Trentino

 

 

 

 

Difficoltà: Ferrata facile. Attenzione alla caduta sassi! Il sentiero si snoda quasi sempre dentro una gola; è raccomandabile il casco.

 

 




Tempo di percorrenza: Salita: Rif. Bertagnoli – Monte Gramolòn, ca ore 2.
Discesa: Monte Gramolòn – Passo del Ristele - Rif. Bertagnoli, circa ore 1,30.
Ferrata: circa: ore 1,30.


 


Dislivello: Salita: ca. 600 mt. - Discesa: ca. 600 mt. - Ferrata: ca. 200 mt.

 



Punto d'appoggio: “Piccole Dolomiti” Rif. Bertagnoli 1225 mt. Tel. 0444 4294011- Comune: Crespadoro (VI). Proprietà: C.A.I. Arzignano (VI).


Punto di partenza: Arzignano 118 mt. _ Valle del Chiampo _ Rif. Bertagnoli, 1225 mt.

 

Accesso:
Con la macchina da sud per Arzignano 118 mt., attraverso la Valle del Chiampo al Rifugio Bertagnoli 1225 mt.
Dal rifugio si arriva in pochi minuti sul sentiero n°. 221 all'accesso della via ferrata.
Il sentiero si snoda attraverso una gola formata da enormi roccioni e viene attraversata con l'aiuto di corde metalliche e scale di ferro.
A quota 1600 mt. circa si raggiunge il “Sentiero Dilani” sul quale si può tornare al punto di partenza.
L'ulteriore percorso al Monte Gramolòn 1814 mt., è facile e ben segnato.
L'ultima salita rocciosa può essere aggirata oppure superata con l'aiuto di una corda metallica.

Discesa:
Dalla vetta si segue il sentiero segnato verso nord per scendere al Passo del Ristele 1641 mt.
Si prosegue per il “Sentiero Dilani” verso sud al Passo della Scagina 1548 mt., e seguendo il sentiero n°. 221 oppure il “Sentiero Bepi Bertagnoli” si ritorna al punto di partenza.

Curiosità:
La Foresta Demaniale di Giazza si trova all'estremità nord-orientale della provincia di Verona all'interno del Parco Naturale Regionale della Lessinia.

“…A Giazza una parte della popolazione "parla" ancora il cimbro…”

http://www.baldolessinia.it/selva/html/forestamain.html

www.agnochiampo.vi.it/.../ itinerar/itinerar.htm