VALSUGANA

SENTIERO CLEMENTE CHIESA - VAL SCURA 
Bellissima e facile escursione attraverso una gola romantica e selvaggia.

Bella e facile escursione in ambiente singolare, selvaggio e solitario. Breve giro dai magnifici motivi paesaggistici autunnali, molto ripagante anche in una giornata grigia e umida. Le difficoltà tecniche del sentiero attrezzato sono molto contenute anche se alcuni tratti franosi e scivolosi richiedono attenzione soprattutto con terreno umido. Il percorso, veramente interessante e vario, è stato tracciato con estrema cura e denota la volontà di valorizzare un ambiente inaspettatamente bello rendendolo accessibile a chiunque sia dotato di passo sicuro ed un minimo di allenamento fisico. Il percorso è attrezzato e mantenuto in maniera esemplare, anche se l'attrezzatura non è mai eccessiva. Ciò che colpisce e che resta veramente impresso è la bellezza del paesaggio estremamente solitario nonostante la facile raggiungibilità. Meno gratificante è la discesa che comprende anche un breve tratto di galleria lungo la strada asfaltata. Bella la vista sul lago di Caldonazzo.


  " Chi ha esperienza di montagna sa quanto sia importante avvistare da lontano la sagoma indistinta di un rifugio alpino, del rifugio programmato come "tappa" della propria escursione, significa provare la soddisfazione d'essere quasi arrivati, pregustare una bevanda dissetante , un piatto caldo, un bicchiere di vino e il riposo su un rustico letto d'alta quota, ma vuol dire anche anticipare in cuore il piacere dell'accoglienza, di un sorriso semplice che ti viene da chi conosce la fatica della salita, da chi sa che cosa significhi amare l'alpinismo"

Tratto da Guida
ai rifugi del Trentino
Azienda promozione Turistica del Trentino

 

 

 

Difficoltà: ferrata facile.

 

 




Tempo di percorrenza: Salita: Ristorante alla Vedova- Albergo Monte Rovere, ca ore 2,00.
Discesa: Albergo Monte Rovere- Ristorante alla Vedova, ca ore 1,30.
Ferrata: ca ore 0,40.


 


Dislivello: Salita 700 mt. – Discesa 700 mt. – Ferrata 100 mt.

 

 




Punto di partenza e d'appoggio: Levico Terme – Ristorante alla Vedova – Caldonazzo.

Descrizione:
Dall'Albergo Alla Vedova 500 mt., per strada asfaltata verso sud fino al primo tornante.
Da li si segue il “Sentiero Clemente Chiesa” con il n°. 233 attraverso la Val Scura delimitata dalle ripide pareti della Cima Pegolara 1199 mt e del Monte Calmo 873 mt.
Si passa per singolari formazioni rocciose e guglie, in parte attrezzate fino a raggiungere una cascata.
Poco dopo si perviene all'Albergo Monte Rovere 1255 mt.

Discesa:
Seguendo il vecchio sentiero n° 202 di guerra “Kaiserjàgerweg” chiamato anche “Sentiero Europeo E 5” si scende facilmente al punto di partenza.

Curiosità:
Circa 6 Km . A sud dell'Albergo Monte Rovere si trova la località di Lucerna 1333mt., un'antica isola linguistica tedesca “il Cimbro”.

 www.lusern.it

Luserna si colloca sul confine centromeridionale di un grande altipiano che si snoda nelle zone di Folgaria e Lavarone, e di lì al Passo di Vezzena ( 1402 m s.l.m.) dove, attraverso la stretta forcella della Valle dell'Assa, si arriva sino ai vicini Sette Comuni Vicentini. Il territorio, caratterizzato da terrazzamenti naturali, si protrae sulla sottostante Valle dell'Astico creando profonde valli e strapiombi, con dislivelli anche di seicento metri. I suoi confini naturali sono segnati dal solco della Val Torra, ad oriente, e dal Rio Torto, all'estremità opposta. La superficie dell'altopiano è circa di 20 Kmq ma, attualmente, solo otto di questi - compresi tra le quote di 1200 e 1550 m s.l.m. - appartengono amministrativamente alla comunità in questione. I restanti dodici sono frammentati dai molti comuni che in questa zona godono di diritti di proprietà: particolarmente esteso è il territorio di Levico Terme, il quale detiene gran parte delle Vezzene, seguono poi Caldonazzo con Monterovere, e Lavarone con Millegrobbe e Laghetto. A sud il villaggio confina anche con Pedemonte e Casotto, entrambe situate ai piedi della montagna. La morfologia del paesaggio fa si che la zona sia moderatamente ondulata e che le cime superino difficilmente i duemila metri d'altezza. L'insediamento si costituisce di soli due nuclei: Luserna (a 1333 metri di quota) si snoda su di un piccolo lembo di terra pianeggiante, che si dipana da levante a ponente, a cavallo del cosiddetto Tal vo Sant'Antone (Valle di Sant'Antonio) e Tezze (collocato a 1288 m s.l.m.) in una valletta ad ovest del nucleo centrale. La struttura è quella del classico Strassendorf, vale a dire un paese che si sviluppa lungo una strada.
Sull'altura a monte dell'abitato, in un intervallo pianeggiante nel versante della montagna, si trovano gruppi d'edifici isolati denominati Hüttn (Baite).