SELLA

Le informazioni qui riportate hanno solo un fine illustrativo, non didattico. Se non sei un esperto, rivolgiti a una sezione di un Club alpino, a una guida alpina professionista, oppure a una scuola abilitata di alpinismo, scialpinismo, arrampicata o speleologia. Leggi le avvertenze.

FERRATA MAXMILIAN

 

 

 

 

 

Difficoltà: media, con passaggi esposti.

 

 



Tempo: dal rifugio circa 2,30 h.


 

Dislivello: 250 mt. dal rifugio

 



Rifugi: Rif. Micheluzzi 1260 mt. Rif. Tires 2440 mt.

 

Da Trento in autostrada si raggiunge il casello di Ora dove si esce. Si prosegue verso la Val di Fiemme e Fassa fino a Campitello dove si parcheggia all'inizio della Val Duron . Con il servizio di taxi si raggiunge il rif. Micheluzzi a 1.260 m . e da qui inizia il cammino a piedi sul sentiero n. 532  che con una iniziale modesta salita segue l'amena conca della val Duron, caratterizzata dall'armonico inserimento di baite masi e fienili lungo tutto il suo sviluppo, fino alla Sella di Cresta Nera, m. 2000 , e quindi girando a sinistra al rifugio Tires m. 2.440 2.30'.  Dal rifugio, si indossano le imbragature e, si sale fino al vicino attacco della Via ferrata “Maximilian ” (difficoltà media, ma con passaggi esposti che richiedono sicurezza, assenza di vertigini, tempo buono e attrezzatura) 10'm. Si entra nella forra, si sale fino al valico (bellissimo panorama dell'Alpe di Siusi) e si prosegue sulla sinistra verso la cresta che porta alla cima del Dente di Terrarossa m. 2.653. In direzione Ovest si passa sotto un portico di roccia; scendere sul dorso della rupe e su questo si arriva al valico di Terrarossa dove c'è la possibilità di interrompere il percorso e rientrare al rifugio in caso di emergenza o mal tempo. Si sale il lato Est verso la massima elevazione dello Sciliar: la Cima di Terrarossa m. 2.655 dove termina la ferrata.

Discesa:
Si scende in direzione Ovest fino a raggiungere il sentiero n. 4  (Sciliar – Alpe di Tires) che porta al punto di partenza 3.30' (ore 6).