Sass de Mesdì 2762 mt.

www.paretiverticali.it

Spigolo SSO spigolo Dibona

Isolata e bella cima che si eleva dalla Val di Cisles tra i incuneati canaloni delle Odle a Ovest e de Mesdì a Est.


Una delle più classiche e ripetute vie delle Odle. La via percorre lo spigolo che il Sass de Mesdì si allunga verso l’Alpe di Cisles. Entusiasmante ascensione in parete aperta e in camino su roccia quasi sempre solida e sicura.
Prima salita: guida Angelo Dibona, Rudi Eller, Karl Huter e Gustav Jahn il 23 giugno 1917.

Dislivello: dall’attacco 350 mt.


Difficoltà: 3°, 4° con tratti di 4°+ e un passaggio di 5°/5-.

Dal rifugio Firenze 2039 mt che sorge in una risplendente zona nei diradati boschi della parte superiore della Val di Cisles, contornato dalle forme compatte delle Odle e si sviluppa con un magnifico panorama verso il Sassolungo e l’Alpe di Siusi ci si dirige verso Nord seguendo le indicazioni del sentiero n° 13 che rimonta i pendii dell’Alpe di Cisles sino a raggiungere il vasto pianoro prativo del Plan Ciantier 2300 mt.,

ai piedi del versante meridionale del Sass Rigàis.
Qui si può raggiungere dal Col Ràiser (cabinovia) o dalla stazione superiore della funivia di Seceda seguendo le numerose indicazioni per il Sass Rigàis. Lasciato il sentiero si procede si procede per ghiaie e zolle erbose per portarsi alla base delle rocce dell’Odla di Cisles.
Di qui si traversa ancora in direzione Est per ghiaie sino a portarsi all’imbocco del canalone dell’Odle che si apre tra Odla di Cisles ed il Sass de Mesdì.
Ci si porta alla dx del canalone e si segue un piccolo canale ghiaioso che si risale fino ad una piccola forcella.
Si procede quindi verso sx per cenge sino a raggiungere che in alto diventa un camino (h. 0,20)

Attacco:
Si attacca risalendo il canalino ed il camino seguente, che in alto diventa strapiombante (35 mt.; 4°).
Si risale il camino quindi si obliqua verso sx per rocce più facili (30 mt.; 3°).
Si obliqua ancora verso lo spigolo, sostando in prossimità di esso (25 mt.; 2°).
Qui inizia la variante.
Si arrampica per 4 mt. lungo lo spigolo e quindi ci si sposta sulla parete di sx seguendo una approssimata rampa fessurata per due lunghezze di corda (80 mt.; 4°, 3°, 4° chiodi).
Si risale dritti per una fessura e quindi (chiodo) si traversa per circa 20 mt. Verso sx fino ad un camino, che si risale sino a raggiungere una cengia (35 mt.; 3°, e 4°).
Si sale ancora per qualche metro sino ad una prima cengia che si segue verso dx fino al suo termine; ci alza quindi qualche metro sino ad un seconda cengia che si segue ancora verso dx (40 mt, 4°, 3°).
Qui termina la variante.
Si procede per altri 10 mt. sino al termine della cengia (1°), e sino alla sommità del pilastro SO ( dove termina la variante alta).
Si sale leggermente verso sinistra, quindi si traversa verso sx (friabile, e chiodi), fino ad una fessura di roccia solida che si risale fino ad una cengia ghiaiosa (4° mt; 4°+).
Ci si porta ora facilmente verso dx sino ad una seconda cengia ghiaiosa (40 mt; 2°).
Si avanza verso dx in un piccolo camino friabile, prima in spaccata e quindi sulla parete di dx, raggiungendo quindi per rocce più facili una piccola forcella (4° mt; 4° con un pass. 4°+/5°-).
Si procede per un canalone e per sfasciumi fino alla cresta (8° mt; 2°).
Si prosegue seguendo la cresta fino alla cima (circa 20 mt;) ore 3,30/ ore 4,50.

www.paretiverticali.it