CIMA BAFFELAN

VIA SOLDA'

 

www.paretiverticali.it

Accesso:

Da Recoaro Terme (VC)-strada per il Passo di Campogrosso, dove sorge il rifugio Campogrosso.

Rif. Giuriolo al Campogrosso.

Da qui a destra per Malga Baffelan (1460 m), posta ai piedi del M. Cornetto. Attraversare il prato e deviare dal sentiero verso un canale al pilastro Nord-Est, dove è collocata una targa di bronzo. Risalire il canale fino a prendere una cengia che va a destra proprio sotto la parete ad uno strapiombo giallastro (anello di attacco).

Descrizione:
L1: proseguire lungo la cengetta e, appena aggirato lo spigolo chiaro, risalirlo verticalmente sino alla sosta (30 m; III)
L2: attaccare lo spigolo e aggirarlo subito a destra per seguire una fessura fino alla sosta (30 m;IV+)
L3: tenere leggermente la destra per fessura e piegare verso un'altra grossa fessura (45 m; IV)
L4: salire la fessura fino ad un terrazzino, poi a sinistra ancora per fessura fino ad un muretto verticale che si attacca direttamente (buona presa in alto) sempre leggermente a sinistra sino alla sosta (50 m; v-)
L5: obliquare a destra per prendere una sottile cornice e poi in traverso ancora a destra per una decina di metri, fino a prendere un canalino che si risale fino alla sosta (40 m; III+)
L6: si sale a sinistra per diedro e dopo 20 m salire a destra per camino un pò sporco; al suo termine superare il muretto a destra sino alla sosta in cresta (50 m; IV-). Dalla sosta per tracce in breve alla vetta (un passaggio un pò esposto, poco oltre c'è un chiodo con anello.

Itinerario per la via normale e Cenni Storici:
Dal rifugio di Campogrosso (m.1456) si sale verso l'incombente parete della Sisilla fino a raggiungere una mulattiera, che si segue, prendendo sulla destra, fino ai ghiaioni che scendono dal versante orientale di cima delle Ofre. Si risalgono i ghiaioni passando ai piedi dei caratteristici torrioni delle Due Sorelle, si scavalca una forcelletta dove c'è una caverna di guerra, e in pochi minuti si scende nell'ampia sella prativa del Passo delle Gane (m.1704). Si risale per alcune decine di metri il pendio del Sasso delle Gane e traversando poi a sinistra su ripidi pendi erbosi si giunge alla Forcella del Baffelàn (m. 1738),che da qui in circa 15 minuti si arriva alla cima del Baffelàn (m. 1793), con percorso alpinistico di I° e II° grado dalla forc. alla cima. Questo eccezionale percorso , che corre lungo il versante est della Catena del Sengio Alto, è stato realizzato dopo la Strafexpedition del 1916 per mettere la comunicazione dellle varie opere di difesa.
Ricavato da: http://www.radioavventura.it/Veneto/ReportVE020.htm

www.paretiverticali.it