Gruppo del Civetta - TORRE VALGRANDE 2715 m.

“ VIA DELLE GUIDE”

www.paretiverticali.it

PREMESSA:
Con uno sviluppo di 140 mt., le due guide Mariano De Toni e Cesare Pollazzzon aprirononun itinerarionche ancor oggi numerose cordatebdevono chinare il capo. Con pochi chiodi, con dei sassi in tasca, per utilizzare lungo la salita e con una arrampicata di tecnica e acrobata, il 10 settembre del 1941 aprirono una "Classica " via nel gruppo del Civetta.

Primi salitori:  M. De Toni, C. Pollazzon; 10-9-1941

 

Sviluppo:  140 mt. Difficoltà:  4°, 5°, 6°, 7° Tempi:  h 4 circa

 

Avvicinamento: Dal rifugio Coldai, per il sentiero Tivàn risalire alla base dello spigolo nord-est della Torre di Valgrande, costeggiare la parete est e superare lo spigolo Sud-Est. e seguire tracce di sentiero che portano alla fessura evidente.

Attacco:

1)  Salire fino ad una comoda sosta. 35 m (4°-) 1 ch.

2)  Si sale la fessura, proprio sopra al punto di sosta. Dapprima non molto impegnativa, poi sempre più difficile, esposta e faticosa. Sosta 2 m. sopra il passaggio chiave (portare dei friends o nuts-stoppers). 40 m (4°+, 5°+, 6°, 7°, 6°-) 10 ch. 4 ch. di sosta.

3)  Si arrampica super il camino. Sosta su terrazzino. 20 m (5°, 3°) 3 ch.. 2 ch. di sosta.

4) Si sale il diedro-fessura sopra di noi; che al suo termine ci porta su facili rocce fino a raggiungerecima. 45 m (4°, 5°, 3°).

 

 

DAL LIBRO:” TRA IL SILENZIO DELLE PARETI”.
<<…Più volte mi era capitata tra le mani la guida di Oscar Kelemina e nello sfogliarla mi soffermavo sempre alla descrizione della "Via delle guide" alla Torre Valgrande.
Nel leggerne le varie difficoltà, ero sorpreso per la meticolosità di come venivano descritti i passaggi chiave della terza e quarta lunghezza di corda. Passaggi di VI° e VI°+ in libera che avevano costretto molte cordate a fare un bel dietro front.
Nel '75 per andare a scalare la via Schubert, al Pan di Zucchero, avevo osservato dal sentiero Tivan, la via delle "Guide" alla parete est della Torre Valgrande che per mezzo di una fessura saliva dritta fino alla cima e dentro di me era nato il desiderio di farne l'ascensione.
1994. Da un anno grazie all'attività alpinistica da me svolta dal 1989, ero entrato a far parte del gruppo "Gransi" del C.A.I. di Venezia.
Gruppo nato nel 1957 a Venezia . Lo stemma del gruppo rappresenta un granchio, il quale ostenta sul maglione, e l'immagine del simpatico crostaceo ha dimostrato che gli alpinisti veneziani sono forti, distinguendosi nell'apertura di nuove vie nelle Dolomiti o dando vita a spedizioni in terre remote. Il mondo verticale in netto contrasto con le piatte superfici che ci circondano a fatto nascere e crescere un gruppo di amici, talora carismatici, amanti delle ascensioni, in perfetta sintonia con i gruppi più famosi. (Ragni di Lecco, Scoiattoli di Cortina, Catores della Val Gardena, ect.).
In questo periodo avevo compiuto delle impegnative ascensioni, ma soprattutto avevo ritrovato l'amico Maurizio Venzo "Nane", che nel frattempo era diventato, assieme alla moglie, guida alpina.
Con il Nane avevo scalato molte pareti difficili delle Dolomiti. Tra noi c'era amicizia, pazienza, affiatamento che potevano dare solo risultati positivi.
Il ritrovo del gruppo Gransi era fissato il 9 luglio al rifugio Coldai: un'opportunità da non perdere. Telefonai una settimana prima al Nane che accettò con entusiasmo la mia idea di salire appunto alla Torre Valgrande per la Via delle Guide.
L'assemblea al rifugio si svolse con pochi partecipanti ma fu piacevole ritrovarsi consolidando l'amicizia, ascoltando le imprese dei "veci" e i programmi dei più scatenati. Terminata la seduta, dopo il classico bicchiere di vino, con Bruno Palma abbiamo scalato una parete, per sgranchirci, tradendo il primo tempo dei mondiali de calcio tra Italia e Spagna. L'Italia, come scrisse il quotidiano "Gazzettino" il giorno dopo: " miete consensi anche in quota, fra i canaloni delle Dolomiti bellunesi, dal Civetta al Pelmo". L'articolo continua: "A far coraggio agli azzurri contro la Spagna, ai quasi tremila metri del Coldai, davanti ad un televisore in bianconero sprovvisto di audio, nel rifugio gestito da Renato De Zordo, un centinaio di alpinisti rientrati anzitempo da pareti e sentieri.
A supporto della tivù "muta", una radio da cui esce una rauca telecronaca di Ciotti in una stanza in cui i maglioni azzurri dei "Gransi", il gruppo rocciatori del C.A.I. di Venezia, quasi ti fanno sentire fra amici nell'anello più alto del soffocante stadio di Boston.
Anche chi ama la montagna può voler bene a questa bistrattata Italia del pallone....Il tranquillo rifugio diventa una bolgia per una festa che si fa veneta, anche quassù":
Lasciati gli amici davanti alla tivù, dopo aver percorso per cento metri il sentiero Tivan, ci siamo diretti alla base del primo Torrione delle Zìolere per eseguire l'ascensione al pilastro est, parete nord, via del diedro grigio aperta da M. e O. Kelemina.
La via, sconsigliabile ad eventuali ripetitori, presenta difficoltà di primo, secondo e terzo grado di sfasciumi; un tiro di quinto grado con un passaggio di AO, il quale, senza l'ausilio dei chiodi, diventa VI grado. In tutto centottanta metri.
Al ritorno abbiamo potuto vedere il gol di Baggio che segnò la vittoria dell'Italia. L'entusiasmo dei Gransi echeggiò lungo le pareti del Civetta.

Alle ore 6.00 sveglia. Guardo dalla finestra, giornata bellissima.
Scendo nella sala da pranzo e trovo l'amico "Orso" che mi saluta con la sua voce cavernosa. Alle 6.20 arriva il Nane, madido di sudore per la corsa che ha fatto per raggiungere il rifugio. Facciamo colazione e nel frattempo vengono a salutarci e ad augurarci "in bocca al lupo" il Fagio, Leo e il Pepo.
Partiamo, non prima di aver ricevuto raccomandazioni di fare attenzione dal gestore del rifugio Renato De Zordo. Dinanzi a noi, la breccia tra il Pelmo e la Val di Zoldo è tutta bagnata di sole e di luce.
"Tempo magnifico, Nane, stupendo!".
Il Nane non mi risponde ma corre come un capriolo, saltando e fischiettando.
"E' da lui" , penso e correndogli appresso percorriamo il sentiero Tivan che ci porta all'attacco della via.
La notte precedente, l'avevo trascorsa male, rievocando con il pensiero le perplessità sulla riuscita che mi aveva confidato il gestore, in base alla sua esperienza, per quanti alpinisti avevano rinunciato per le difficoltà della via.
Il Nane a dieci metri dall'attacco, silenzioso si ferma e guarda la fessura.
Anch'io ho smesso di parlare. Intorno a noi c'è un silenzio arcaico.

Alle 8.35 attacchiamo la parete. Primo tiro, roccia solida, arrampicata bella. Il secondo tiro, V-, V+, ci vede impegnati quel tanto per arrivare al più presto al fatidico terzo tiro di corda.
L'orologio da polso che mia figlia mi ha prestato ad ogni movimento suona e una voce computerizzata scandisce in francese ora e minuti, fino a che il Nane, con una serie di epiteti veneziani, mi costringe a toglierlo e a metterlo nello zaino.
Ritorna il silenzio.
Siamo davvero staccati dal mondo, i nostri tormenti interiori sono trascurabili a paragone delle gioie che la montagna in quel momento ci dava.
La scalata ci ritrovava per le facoltà di lotta, il piacere rinnoverato, immenso, di arrampicare assieme.
Il Nane mi dice: - "Bepi attento all'occhio".
"Stai tranquillo".
Già ai primi metri la fessura si presenta con tutte le sue difficoltà. Se nella guida è scritto che ci sono pochi appigli, intorno a noi troviamo, la fessura, tutta viscida e bagnata. Il Nane tra le precise richieste del tipo: "tira, molla, tieni corda rosa, corda blu", arriva al passaggio strapiombante di sesto superiore-settimo.
Già penso come farò io. Eccolo sul rigonfiamento; le corde sono distanti di circa due metri dalla parete. Tallone destro appoggiato al bordo della parete di destra, ginocchio della stessa gamba premuto contro il labbro sinistro interno della fessura, gamba destra incastrata dentro la fessura, mani in aderenza che cercano qualche appiglio più buono. Striscia come un verme centimetro dopo centimetro, trova con la mano destra un appiglio a maniglia, sguscia dalla fessura, spaccata e superamento di slancio del passaggio.
Egli lancia un grido trionfale.
Lui è passato ma, caspita, è piccolo (1,57 m.), magro, guida. Io 1,86 m. di altezza per 89 kili, in più ho lo zaino e il materiale da recuperare.
Fischiettando e sorridente mi dice di partire: "Tranquillo, Bepi. Non incastrati. Sfrutta gli appigli esterni".
"Quali?"
Lui.-"Vai".
"Non tirare fino a quando non te lo dico. Recupera e sta attento".
Mi ripete:-"Vai tranquillo".
"Parto".
Mi libero dell'autoassicurazione, alzo le mani, spaccata streacing, fantastico, vedo le corde sotto che si muovono con l'aria senza toccare la parete. Sono felice. Con l'apertura spasmodica delle gambe arrivo sotto al rigonfiamento strapiombante. Tutto è liscio, specialmente a destra.
Disgraziatamente un friend non vuole togliersi. Tiro verso l'alto, poi verso il basso, mi aiuto con il moschettone, niente.
Risuona la voce del Nane:-"Tira fuori il martello".
"Cosa?".
E lui come niente fosse mi dice.- "Ti sfili lo zaino, tiri fuori il martello e con la becca facendo leva recuperi il friend".
"Solo?". Gli rimando con due-tre maledizioni.
Gli grido:-"Tieni" e inizio la delicata fase dello zaino. Apro le cinghiette, prendo il martello , assicuro lo zaino penzolante al lato destro, ad un moschettone dell'imbragatura aggancio il martello e con quattro colpi recupero lo stramaledetto friend.
"Bravo!".
"Ma va...".
"Dai non perdere tempo".
Accidente a lui. Mi rimetto lo zaino, riassesto la ferraglia e riparto.
"Ma dove sei passato?".
Lui:-"Prova a sinistra".
Metto il piede destro in opposizione, lo spingo fortemente come pronto a perforare la roccia, incastro la mano destra dentro la fessura, piede sinistro su micro-appoggio, slancio "tieni", maniglia, passo. Bellissimo.
"Bravo Nane".
"Bravo Bepi".
Il Nane, ora saliva con la sua abituale sveltezza, trovando facilmente gli appigli e gli appoggi anche se le difficoltà rimanevano di quinto grado. La fessura alla Dùlfer la superiamo velocemente non timoriti dal vuoto che c'è sotto ai nostri piedi e tutti e due ci abbracciamo in cima.
Rispondiamo al saluto della cordata "Gransi" che dalla cima Alleghe festeggia la nostra vittoria e velocemente ci caliamo giù con le corde doppie.
Al rifugio Coldai, gli amici si congratulano con noi. Io rimango per ultimo nello scendere a valle. Penso alla Torre, al Nane, alla nostra amicizia e a quanto sono stati bravi ad aprire quella via nel 1941.
Arrivo a Malga Pioda e l'ultimo bicchiere è nelle mani di compare Orso che, con Fagio, Pepo, Nane e me brinda ai Gransi e all'amicizia..>>.

www.paretiverticali.it