LAGAZUOI NORD 2804 m.

"VIA DEL DRAGO"

www.paretiverticali.it

PREFAZIONE:
PRIMA ASCENSIONE: C.BARBIER, A.GIAMBISI E C.PLATTER IL 26 SETTEMBRE 1969.
LA VIA SALE SUL SETTORE CENTRALE DELLA PARETE OVEST, SEGUENDO UNA LINEA DI DIEDRI, CAMINI E FESSURE FIN SOTTO GIALLI STRAPIOMBI; LI EVITA CON LUNGA TRAVERSATA VERSO SINISTRA ED ESCE IN VETTA LUNGO UN EVIDENTE DIEDRO. ROCCIA BUONA, A TRATTI OTTIMA.
DISLIVELLO 300 METRI. SVILUPPO CIRCA 375 METRI. DIFFICOLTÀ: IV°, V°, V°+.

ACCESSO:
SI SEGUE IL SENTIERO 20b, IN VERSANTE VAL LAGAZUOI, FINCHÉ SI GIUNGE A COSTEGGIARE LE ROCCE AI PIEDI DELLA PARETE OVEST DEL LAGAZUOI NORD (ORE 1,30 CIRCA DA PASSO FALZAREGO O DA CAPANNA ALPINA; 30 m. DA RIFUGIO LAGAZUOI, IN DISCESA). L'ATTACCO È SITUATO QUALCHE METRO SOPRA IL SENTIERO, AL CENTRO DELLA PARETE, SULLA VERTICALE DI ROCCE NERE, NEI PRESSI DI UN CAMINETTO CHIUSO DA UN MASSO INCASTRATO.
SASSO. CLESSIDRA.

DESCRIZIONE:
I°) ATTACCARE QUALCHE METRO SINISTRA DAL CAMINETTO SEGUENDO VERSO DESTRA UNA SUCCESSIONE DI DIEDRINI CHE PORTANO AD UN TERRAZZO DEL DETRITICO SOTTO UNA PLACCA GRIGIA VERTICALE (25 METRI, IV°).
2°) SUPERARE LA PLACCA OBLIQUANDO, DA DESTRA VERSO SINISTRA, QUINDI PIEGARE A DESTRA PER PRENDERE UN CAMINETTO CHE SI SALE PER QUALCHE METRO, USCENDO, POI SULLA PARETE DI DESTRA. SEGUE UN ALTRO CAMINETTO CHIUSO IN ALTO DA BLOCCHI INCASTRATI ATTRAVERSO I QUALI SI FUORIESCE SU UNA TERRAZZA (30m., IV°, IV°+).
3°) PER FACILI GRADONI VERSO DESTRA AD UN PULPITO DA CUI SI OBLIQUA A SINISTRA PER BREVE RAMPA (III°, CLESSIDRA) FIN SOTTO UNA PLACCA GIALLO-NERA. LA SI PERCORRE DIRETTAMENTE PER UNA DECINA DI METRI (V°), SI ATTRAVERSA A SINISTRA FINO ALLA BASE DI UN EVIDENTE PILASTRINO APPOGGIATO CHE È SI SUPERA IN VERTICALE SCAVALCANDOLO. SOSTA AEREA SU 2 CHIODI (40 m.; II°, III°, IV°, V°).
4°) PROSEGUIRE DIRETTAMENTE PER UNA FESSURA GIALLA VERTICALE (V°), FIN DOVE STRAPIOMBA ED ATTRAVERSARE POI A SINISTRA PER UNA DECINA DI METRI (CLESSIDRE), FINO AD UN COMODO TERRAZZINO (30m.,V°).
5°) CONTINUARE ATTRAVERSANDO VERSO SINISTRA SEGUENDO UNA LEGGERA DISCESA UN' ESILE CORNICE (DELICATO ALL'INIZIO; V°-), ABBASSANDOSI QUALCHE METRO IN CORRISPONDENZA DI UN' INTERRUZIONE E TRAVERSANDO ANCORA FINO AD UNA BUONA SOSTA SU 2 CHIODI (CIRCA 35m., III°+, UN PASSAGGIO DI V°).
6°) SALIRE PER L'INCOMBENTE CAMINETTO AD UN TERRAZZO DETRITICO; SEGUIRE POI UNA FESSURA-DIEDRO (1 DATO INCASTRATO) FIN SOTTO UN PICCOLO TETTO GIALLO CHE SI AGGIRA A SINISTRA PER GUADAGNARE UN TERRAZZO A GRADONI. SOSTA SU 1 CHIODO + CLESSIDRA 2m. SOPRA (50 m., IV°).
7°) PER ROCCE ARTICOLATE SI PERVIENE AD UN TERRAZZINO SOTTO IL DIEDRO VERTICALE CHE CARATTERIZZA ORA TUTTA LA PARETE. SOSTA SU DUE CHIODI (20 m., III°).
8°) SI RIMONTA E DIETRO CON STUPENDA ED AEREA ARRAMPICATA, PER UNA LUNGHEZZA, FINO AD UNA CENGETTA SOTTO UNA PLACCA LISCIA E INCHINATA. SOSTA SU CLESSIDRA (40 m., IV°+, V°-).
9°) SUPERARE LA PLACCA (DELICATO/V°) FIN DOVE LA PARETE STRAPIOMBA; SPOSTARSI QUALCHE METRO A DESTRA E QUINDI SALIRE (CORDINI SU CLESSIDRA/V°+) OBLIQUANDO VERSO SINISTRA A RIENTRARE NEL DIEDRO; PROSEGUIRE DIRETTAMENTE E ATLETICAMENTE LUNGO E IL DIEDRO, SU ROCCIA OTTIMA, VINCENDO ALCUNI STRAPIOMBI E USCENDO AD UNA COMODA TERRAZZA. SOSTA SU DUE CHIODI (35 m., V°, V°+).
10°) OBLIQUARE VERSO DESTRA SU BUONA ROCCIA A PRENDERE UN CAMMINO CHE SI SEGUE FIN DOVE SI BIFORCA A Y. SOSTA SU 2 CLESSIDRE (45 m., III°).
11°) SEGUIRE IL RAMO DI DESTRA, SPORCO DI DETRITI, CHE ESCE SULL'AMPIA BANCA GHIAIOSA POCO SOTTO LA CIMA. SOSTA SU SPUNTONE (25 m., II°).

DISCESA:
RAGGIUNTA FACILMENTE LA CIMA, SCENDERE SUL VERSANTE NORD-EST (IN VISTA DELLE TOFANE E VAL TRAVENANZES) PER TRACCE DI SENTIERO (OMETTI) E QUALCHE BREVE SALTO ROCCIOSO, GIUNGENDO NEI PRESSI DEL BIVACCO DELLA CHIESA. DI QUI, SCENDENDO PER IL SENTIERO 20b, SI PUÒ RITORNARE ALL'ATTACCO E QUINDI A PASSO FALZAREGO O CAPANNA ALPINA. CIRCA UN'ORA - UN'ORA E 30.

LINKS: www.dolomiti.org - www.grandeguerra.com/html/lagazuoi.htm - www.cortina.it

www.paretiverticali.it