PIZ CIAVAZES

Prefazione:
ETTORE CASTIGLIONI E LUIGI MICHELUZZI, IL 26 SETTEMBRE 1935, APRIRONO UNA STUPENDA VIA NEL STTORE CENTRALE DELLA PARETE SUD.
E’ CARATTERIZZATA DA UNA LUNGA TRAVERSATA (90m,) IN COMPLETA ESPOSIZIONE, CON DIFFICOLTA’ DI V°SUPERIORE E VI°-. FINO ALLA CENGIA DEI CAMOSCI: DISLIVELLO DI 250 m. SVILUPPO 320 m.

Dal libro: “TRA IL SILENZIO DELLE PARETI”.

<<.. 25 LUGLIO 1975. HO GLI SCARPONI RIGIDI NUOVI, ROSSI; MI SOSTENGONO SUI PICCOLI APPOGGI E CONTINUO A SALIRE, TRATTO D’INGANNO, DAI CHIODI CHE VEDO SOPRA IL MIO CAPO. INFATTI DALLE DIFFICOLTA’ LETTE SULLA GUIDA A QUELLE CHE STO INCONTRANDO: (INIZIO TRAVERSATA V°), MI TROVO, STUPIDAMENTE SU UNA PLACCA DI VI°+. IL MIO COMPAGNO DI CORDATA, ANDREA SEGALIN, MI CHIAMA: “BEPI, SEI SALITO TROPPO IN SU. LA TRAVERSATA, SULLA GUIDA, DICE CHE INIZIA A OTTO METRI PIU’ SOTTO E VERSO DESTRA”. IN EFFETTI, POI, CI SPIEGANO LE ALTRE CORDATE CHE STAVO SALENDO, UNA VARIANTE DIRETTA, PER IL DIEDRO BUHL. MI SPORGO CON IL CORPO, AD ARCO, CON LE MANI CHE TOCCANO LE GINOCCHIA. IL VUOTO E’ DA MOZZAFIATO. TROVO UN MIRACOLOSO MANICO DI SCOPA. COME CI SIA ARRIVATO NON LO SO, MA MI AIUTA A RIDISCENDERE CON UN CORDINO, LUNGO 5 m.. SONO FINALMENTE SULLA TRAVERSATA E PUR SAPENDO CHE E’ IL TIRO PIU’ DURO, TIRO UN SOSPIRO DI SOLLIEVO. ANDREA MI GUARDA, AMMUTOLITO, SORRIDE E MI DICE: “VAI, CHE SEI IN FORMA!”. Giuseppe Frison.

Accesso:
DALLO SPIAZZO A QUOTA 2080, SULLA STRADA, PER IL PASSO SELLA, SI SALE UN SENTIERO E IN BREVE DOPO 15m’.: ALLA BASE DELLA PARETE.

Descrizione:
LA RELAZIONE DELLA VIA TERMINA ALL’ARRIVO “DELLA CENGIA DEI CAMOSCI”, IN QUANTO MAGGIOR PARETE DELLE CORDATE FINISCONO L’ASCENSIONE SU DETTA CENGIA.
UN MARCATO DIEDRO GIALLASTRO SOLCA LA PARTE INFERIORE DEL SETTORE CENTRALE; LA VIA ATTACCA CIRCA 40 METRI A SINISTRA DALLA ZONA STRAPIOMBANTE SITUATA SULLA VERTICALE DI DETTO DIEDRO (SCRITTA).
1°) SI SALE PER 30m. PER PLACCA GRIGIA E POI BIANCASTRA PER FERMARSI AD UN PUNTO DI SOSTA A FORMA DI MEZZALUNA (5°-).
2°) SI TRAVERSA, IN SPACCATA LEGGERMENTE VERSO SINISTRA, PER RISALIRE IL DIEDRO FIN SOTTO AD UN STRAPIOMBO. CON LEGGERO SPOSTAMENTO A DESTRA SI RAGGIUNGE UN BUON TERRAZINO PER SOSTA (35m., DI V°+ E VI°-).
3° SI SALE DIRITTI PER 30 m, SU ROCCE PIU’ ARTICOLATE E COPERTE DI CESPUGLI D’ERBA FINO A RAGGIUNGERE A SINISTRA, LA BASE, DI UN ALTRO DIEDRO (III°+).
4°) LO SI SALE PER 15 m. , ALTRI 5m. SU PER UNA PLACCA, PER ARRIVARE, AD UNA FESSURA LARGA E A UN BUON PUNTO DI SOSTA (INIZIO V°, POI IV°+ E III°).
5°) SI TRAVERSA ORIZZONTAMENTE VERSO DESTRA PER 15 m. (II°).
6°) SI TRAVERSA DUE METRI IN SALITA VERSO DESTRA (5°), SEMPRE CONTINUANDO VERSO DESTRA SI SCENDE DI 3m., POI IN LEGGERA SALITA, VERSO DESTRA, SI ARRIVA A UN DISCRETO PUNTO DI SOSTA (VI°-; TOTALE DELLA LUNGH. DI CORDA 35m.).
7°) SI CONTINUA A TRAVERSARE, SALENDO LEGGERMENTE A DESTRA (V°+,VI°-), PER SCENDERE DI UN METRO AD UN BUON PUNTO DI SOSTA (20 m.).
8°) SI TRAVERSA, SEMPRE A DESTRA, PUNTANDO AD UN TERRAZZO CON ERBA (20 m., V°).
9°) SI SALE PER 35 METRI LA PLACCA NERASTRA, CON BUONI APPIGLI, SCAVATI DALL’EROSIONE DELL’ACQUA CHE SCORRE LUNGO LA PARETE (V°+).
10°) SI CONTINUA A SALIRE LEGGERMENTE VERSO SINISTRA PER UNA FESSURA NERASTRA CON ENTUSIASMANTE ED AEREA ARRAMPICATA DI 40 m. DI V°.
11°) ALTRI 45 m. SU COMPATTA ROCCIA, CARATTERIZZATA DA NOTEVOLI BUCHI, MA SEMPRE CON FORTE ESPOSIZIONE (V°).
12°) SALIRE , ANCORA PER 40 m. SU PLACCHE PIU’ ARTICOLATE (VI°,III°) PER RAGGIUNGERE LA CENGIA DEI CAMOSCI.

 

Gruppo del Sassolungo e Piz Ciavazes-olio'04 di giuseppe frison www.artsvenice.com

DISCESA:
LA “CENGIA DEI CAMOSCI” E’ LA VIA DI DISCESA PIU’ FREQUENTATA E PIU’ SICURA.
SI SEGUE LA CENGIA VERSO SINISTRA. SUL TRATTO PIU’ ESPOSTO SI TROVA UNA CORDA METALLICA (TRACCE E OMETT).
AL TERMINE DELLA CENGIA ABBASSARSI SU SALTI DI ROCCIA FACILI E DETRITI FINO AD ARRIVARE AD UNO SPUNTONE (POSSIBILE CORDA DOPPIA).
SI SCENDE PER ROCCE FACILI (II°) PER TROVARSI SUL SENTIERINO DI DISCESA DELLA PRIMA TORRE DEL SELLA E PER QUESTO SI RAGGIUNGE LA BASE DELLA PARETE (CIRCA 45 m’. / 1 0RA).

LINKS: www.enrosadira.it - www.dolomiti.org - www.dolomiti.it - www.sat.tn.it

Inviate delle foto o un rapporto più dettagliato, con il Vostro aiuto posso rendere la relazione, più esatta e utile. Grazie
Suggerimenti; scrivi a: paretiverticali@msn.com TOP

www.paretiverticali.it